La Reale Mutua Torino ’81 Iren vince 10-13 contro il Brescia Waterpolo e lo sorpassa in classifica

La Reale Mutua Torino ’81 Iren sbanca la Piscina di Mompiano e supera il Brescia Waterpolo per 10-13. La sfida d’alta classifica vede trionfare i torinesi che dunque mettono la freccia e superano i ragazzi di Sussarello, posizionandosi così secondi nel girone con 16 punti, il Brescia Wp resta a 15, cinque lunghezze più in su dei gialloblù c’è il Bologna (21), oggi vittorioso con Sori.

Il primo quarto vede gli azzurri padroni di casa iniziare meglio, M. Garozzo di Grazia e Gianazza fanno valere il fattore campo e partono forte. La Torino ’81 scende in vasca con qualche minuto di ritardo, ma incassati i due colpi, si desta e piazza tre reti con Maffè, Colombo e Costa. La seconda frazione è un botta e risposta continuo, apre Vuksanovic su rigore, risponde sempre su penalty Tononi. Sale perciò in cattedra Colombo con una doppietta nel parziale, spezzata dal gran gol nuovamente di Tononi: da sottolineare la qualità delle conclusioni mancine del numero 6 gialloblù; ancora Vuksanovic per la Reale Mutua Torino ’81 Iren (doppietta) e Casanova per i padroni di casa, portano il parziale sul 3-4. È 5-7 all’intervallo lungo.

La terza parte di gara è la frazione dove la Reale Mutua Torino ’81 Iren prova a scappare definitivamente: avanti di due reti, dopo i gol di Maffè (doppietta) e Zanetti per i bresciani, i ragazzi di Aversa piazzano tre marcature di fila con Colombo, al poker personale di giornata, e E. Novara, autore di una doppietta nel parziale. Zugni rende meno amaro lo score: all’ultimo intervallo la Torino ’81 è avanti di 4, 7-11. L’ultima parte del big match vede alzarsi il nervosismo in vasca data la posta in palio: è il Brescia a spuntarla coi due gol di Gianazza e con la marcatura di Tononi. Alla Reale Mutua Torino ’81 Iren bastano le reti di E. Novara su rigore e Vuksanovic (entrambi autori di una tripletta) per chiudere il parziale sul 3-2 per i padroni di casa e vincere il match col risultato di 10-13.

Commenta così un soddisfatto coach Simone Aversa: “A parte i primi minuti dell’incontro, siamo rimasti sempre avanti in maniera netta. Il Brescia Waterpolo è giovane ma molto ben preparato, ma oggi è venuta fuori la differenza che c’è tra le due squadre, che non è solo di tre gol. I nostri giocatori più maturi ed esperti hanno determinato la gara, facendo una buona prestazione. Devo però ammettere che siamo stati sciuponi nella seconda parte, quando avevamo acquisito un buon margine: mi spiace avere concesso qualcosa verso fine, sia per la fase difensiva, sia per quanto concerne la capitalizzazione delle superiorità numeriche”

“In vista della prossima gara con i primi in classifica del De Akker Bologna dobbiamo mantenere la concentrazione per un’ora intera di partita. Lavoreremo per il match contro i bolognesi e poi penseremo all’ultima”.  

BRESCIA WATERPOLO – REALE MUTUA TORINO ’81 IREN 10-13 (2-3, 3- 4, 2-4, 3-2)

BRESCIA WATERPOLO: Massenza Milani, Stocco, Zugni 1, Tononi 3, M. Garozzo di Grazia 1, G. Garozzo di Grazia, Tortelli, Gianazza 3, Zanetti 1, Rivetti, Casanova 1, Sordillo, Camamarota. All. Sussarello.

REALE MUTUA TORINO ’81 IREN: Costantini, Costa 1, Capobianco, Di Giacomo, Maffè 2, Colombo 4, Audiberti, Vuksanovic 3, G. Novara, Loiacono, E. Novara 3, Gattarossa, Cigolini. All. Aversa.

Arbitri: Nicolosi, Ferrari

Note: Espulso per proteste nel quarto tempo Zugni (B). Usciti per limite di falli Tortelli (B) nel terzo tempo, Stocco (B) nel quarto tempo. Superiorità numeriche: B 2/11 + 1 rigore, T 6/14 + 2 rigori. Ammoniti nel secondo tempo il tecnico Sussarello (B), nel quarto tempo il tecnico Aversa (T).

Foto di Tonello Abozzi

Altre storie
Quando inizia la stagione 2020/2021?