La Reale Mutua Torino ’81 Iren batte 7-12 la RN Arenzano ed è salva. Ai saluti Vuksanovic, Loiacono e Audiberti.

La Reale Mutua Torino ’81 Iren è salva, i gialloblù passano a Savona contro la Rari Nantes Arenzano per 7-12 (2-1, 1-4, 2-3, 2-4), aggiudicandosi anche gara 2.

Partita non semplice per i ragazzi di Aversa, la Rari Nantes Arenzano si aggiudica infatti il primo tempo: apre le danze Lottero, ristabilisce la parità su rigore il veterano Vuksanovic (all’ultima in gialloblù), ma Rasore non ci sta e colora di verde la prima parte di gara. Il secondo quarto racconta però di una reazione forte dei gialloblù: sale in cattedra Maffè con due reti, risponde Ghillino (che chiuderà con tre reti la sua gara), ma poi Vuksanovic e Di Giacomo danno due spallate ai ragazzi di Patchaliev, è 3-5.

La Rari Nantes Arenzano non ci sta e lotta nella terza parte di gara: a Vuksanovic rispondono Ricci e Piccardo. I gialloblù però recuperano la supremazia della frazione, ancora con Maffè e poi con Costa. Nell’ultima parte di partita l’attacco torinese fa ancora la differenza: Ghillino accorcia le distanze, Costa (autore di una doppietta), Audiberti e un bel gol di Vuksanovic mettono la freccia per Torino. Ancora Ghillino, l’ultimo ad arrendersi, e poi un rigore di Colombo, chiudono gara 2 sul 7-12.

Coach Simone Aversa: “Abbiamo concluso la pratica in due partite come volevamo sin dall’inizio. La partita non era stata semplice, come non lo era stata quella di sabato. I ragazzi dell’Arenzano hanno combattuto! Noi difensivamente abbiamo di nuovo concesso troppo: aspetto su cui lavorare sin dal primo giorno della prossima stagione. Davanti però quando abbiamo giocato con semplicità ma con un po’ di ritmo siamo andati in porta.

Chiudiamo la stagione non troppo soddisfatti, anche in funzione del lavoro svolto durante l’anno. In questo campionato così particolare, un mese sbagliato ci è costato la partecipazione ai playoff. Faremo tesoro dei nostri errori, ogni anno impariamo qualcosa.

Voglio ringraziare tutta la società, che ci ha messo nelle migliori condizioni di lavorare comunque al meglio, in questo anno così particolare. Ringrazio anche la Città di Torino, per la disponibilità: non abbiamo avuto la vasca un giorno in tutto l’anno, questo è stato importante.

Fatemi infine ringraziare la mia famiglia, che mi dà la possibilità di rimanere lontano da casa tutte queste ore durante l’anno!“.

Vicepresidente Marco Raviolo: “La partita è andata come speravamo e abbiamo raggiunto il risultato prefissato, anche se il nostro campionato come già sottolineato più volte doveva essere un altro. I ragazzi sono stati bravi a chiuderla in due match.

È stata una serata dalle grandi emozioni, essendo stata l’ultima partita del nostro trascinatore Ivan Vuksanovic, che smetterà di giocare con noi dopo dieci anni, ma rimarrà nei ranghi tecnici. Le emozioni non sono finite qua, perché è stata anche l’ultima gara di Gianluca Loiacono, che il prossimo anno si trasferirà a Brindisi e ci saluterà, così come di Vittorio Audiberti, che la prossima stagione andrà in Spagna. Molta commozione dunque! Testa già alla prossima stagione però, vogliamo altri risultati!

RARI NANTES ARENZANO – REALE MUTUA TORINO ’81 IREN 7-12 (2-1, 1-4, 2-3, 2-4)

Rari Nantes Arenzano: Valle, Cedro, Robello, Lottero 1, Bruzzone, Olmo, Ghillino 3, Piccardo 1, Ricci 1, Delvecchio, Rasore 1, Corelli, Musiello. All. Patchaliev

Reale Mutua Torino ’81 Iren: Regge, Di Giacomo 1, Costa 2, Azzi, Maffè 3, Colombo 1, Audiberti 1, Vuksanovic 4, Novara, Loiacono, Oggero, Gattarossa, Aldi. All. Aversa.

Note: Usciti per limite di falli: Novara (T) nel quarto tempo.

Foto di Antonio Cunazza

Altre storie
La Reale Mutua Torino ’81 Iren vuole tornare alla vittoria contro Padova