Ottima prova della Reale Mutua Torino ’81 Iren che vince per 6-12 contro la Rari Nantes Arenzano

Prestazione solida quella della Reale Mutua Torino ’81 Iren che vince alla “Zanelli” di Savona per 6-12 contro la Rari Nantes Arenzano. I gialloblù confermano la prova dello scorso sabato contro Sori e tengono saldo il secondo posto in classifica, grazie ad un’ottima organizzazione difensiva e una buona vena realizzativa.

LA PARTITA:

Inizia il match e dopo qualche minuto di equilibrio è la squadra di casa ad andare in vantaggio con la rete in superiorità numerica di Ricci. La reazione dei gialloblù non si fa attendere e Maffè pareggia i conti con la superiorità. I ragazzi di Simone Aversa trovano l’1-2 con il gol con l’uomo in più ancora del capitano Maffè e il +2 grazie a Marco Costa. I torinesi continuano ad attaccare e realizzano l’1-4 con il bel gol di Abate dal perimetro e termina così il primo tempo di gioco. Le squadre rientrano in vasca e i ragazzi allenati da Patchaliev fanno il 2-4 grazie a gol di Delvecchio, ma i gialloblù ristabiliscono le distanze con la terza rete di Maffè. La Reale Mutua Torino ’81 Iren prende il largo grazie alla superiorità numerica realizzata da Vinko Lisica che sigla il 2-6 e con Cigolini che non sbaglia dal palo e porta le squadre a riposo sul 2-7.

Al cambio vasca la difesa attuata da Simone Aversa quest’oggi continua a dare i suoi frutti e i gialloblù continuano a dilagare grazie alla doppietta di Lisica. I padroni di casa provano a reagire con il rigore trasformato da Ghillino che firma il 3-8 sul tabellone, ma Maffè (4 reti) in involata solitaria non sbaglia e fa il 3-9. I padroni di casa attaccano, ma vengono fermati da un formidabile Aldi che continua a chiudere la saracinesca della sua porta. I liguri riescono a trovare la via della rete grazie alla superiorità numerica realizzata da Bragantini che fa il 9-4 a un minuto al termine del tempo. Inizia il quarto tempo e ancora Aldi chiude lo specchio di porta e Colombo sbaglia il tiro di rigore del potenziale 4-10. Gol che arriva, uscendo dal time-out, con il tiro di Abate. I ragazzi di Patchaliev vogliono rimanere aggrappati al match e realizzano il -5 con Corelli e il 6-10 rapidissimo con Lottero. Giacomo Novara, però, ristabilisce le distanze e realizza il 6-11 con l’uomo in più e Gandini chiude definitivamente il match grazie che sigla il 6-12. Negli ultimi secondi gara Aldi continua la sua prestazione mostruosa, parando un rigore e negando il settimo gol agli avversari. Termina così il match tra Reale Mutua Torino ’81 Iren e Rari Nantes Arenzano con i gialloblù che vincono per 6-12.

LE ANALISI:

Simone Aversa, commenta così il match: Quest’oggi abbiamo disputato un’ottima partita a livello difensivo, questa solidità ha messo in difficoltà l’Arenzano che ha perso un po’ di lucidità senza, però, mai uscire dalla partita. Noi siamo riusciti a mantenere il controllo del gioco per tutti i quattro tempi e siamo stati bravi a sfruttare le superiorità numeriche a nostro favore ad inizio gara che ci hanno permesso di creare un gap con i nostri avversari. Ci sono alcuni aspetti su cui possiamo sicuramente migliorare, ma abbiamo trovato un’ottima quadratura a livello difensivo, mentre in attacco manteniamo i nostri standard poiché abbiamo sempre un buon potenziale. Adesso bisogna pensare alle due prossime partite, contro Brescia e Como, che sono molto importanti”.

IL TABELLINO:

R.N. ARENZANO – REALE MUTUA TORINO ’81 IREN 6-12 (1-4; 1-3; 2-2; 2-3)

R.N. ARENZANO: Graffigna, Pedrini, Robello, Lottero 1, Ghillino 1, Corelli 1, Ferrari, Ricci 1, Ieno, Delvecchio 1, Olmo, Bragantini 1, Valle. All. Patchaliev.

REALE MUTUA TORINO ’81 IREN: Aldi, Lisica 2, Gandini 1, Abate 2, Maffè 4, Cigolini 1, Costa 1, Ermondi, Noale, G. Novara 1, E. Novara, Colombo, Santosuosso. All. Aversa

ARBITRI: Rotondano – Rovida

NOTE: Usciti per limite di falli Valle (A) e Noale (T) nell’ultimo tempo. Superiorità numeriche: RN Arenzano 0/13 +1 rig.; Reale Mutua Torino ’81 Iren 7/11. Espulso nel terzo tempo Ricci (A) per proteste.

Altre storie
La Reale Mutua Torino ’81 Iren attesa a Padova per superare l’esame Plebiscito